Approvato Progetto di Legge al Pirellone. Cappellari e Monti (Lega): “In arrivo le linee guida a tutela della sicurezza degli operatori sanitari e sociosanitari”

Rinvio piano sociosanitario lombardo, Cappellari:

MILANO –  E’ stato approvato oggi in Consiglio regionale un Progetto di Legge sulla sicurezza del personale sanitario e sociosanitario.

“Oggi si è concluso un importante percorso che ha visto le Commissioni Affari istituzionali e Sanità di Palazzo Pirelli convergere su un testo condiviso per la tutela e la sicurezza del personale sanitario e sociosanitario. Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un aumento sensibile dei casi di violenza nei confronti degli operatori sanitari, anche nella provincia di Mantova: quaranta segnalazioni di insulti o aggressioni nel 2019, perlopiù legati al nervosismo dell’utenza o per eccesso di alcol o droghe”. Ha commentato il consigliere regionale della Lega, Alessandra Cappellari.

Il testo approvato oggi unisce due progetti facendo nascere una sintesi condivisa da tutte le forze politiche e che va nella direzione di una ricognizione dello stato dell’arte di tutte le strutture presenti sul territorio.”Chiediamo altresì una relazione annua sulle stesse ed interventi per potenziare i sistemi di sicurezza nelle varie strutture, a tutela dei lavoratori” ha spiegato la Cappellari.

Una volta predisposte le linee guida e al termine del monitoraggio da parte della Agenzia di controllo del servizio sociosanitario Lombardo“, prosegue Cappellari, “sarà possibile, in base a quanto emerso dal gruppo lavoro che ho presieduto e dal testo nel suo complesso, prevedere indirizzi riguardo l’attuazione di interventi strutturali sulle strutture sanitarie e interventi strumentali e tecnologici disponibili e in evoluzione; interventi strumentali riferiti a installazione di telecamere a uso interno o pulsanti collegati alle forze dell’ordine, il tutto nel rispetto della normativa sulla protezione dei dati personali”.

Un progetto a 360° quindi che si occupa di una tematica molto sentita dagli operatori. E se la Regione Lombardia ha fatto la sua parte ora la palla passa al Governo che deve dare delle risposte concrete inserendo i fondi necessari a garantire la sicurezza nei presidi ospedalieri per i nostri medici e infermieri e per i tanti ospiti e pazienti delle strutture.

Videosorveglianza e il controllo degli accessi: sono i punti cardini del progetto che mette in sicurezza soprattutto chi lavora al Pronto Soccorso, i luoghi maggiormente colpiti da episodi di violenza.

“Manca ancora una normativa a livello nazionale e un piano di investimenti che dia una visione di prospettiva alla problematica”, chiosa il consigliere regionale leghista Emanuele Monti, Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Pirelli.

AGGIUNGI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here