Tumori, cure sempre più efficaci

Aumenta in Italia la percentuale di sopravvivenza a tumori che fino a qualche anno fa non davano scampo. Questo grazie alla ricerca e alle nuove terapie immunoterapiche che per certe neoplasie si sono rivelate decisive. A parlare di “dati confortanti” è Livio Blasi, da poco più di un mese nuovo presidente del Collegio italiano dei primari oncologi (Cipomo). In un’intervista all’Agenzia ITALPRESS, Blasi – direttore dell’Oncologia medica dell’ospedale Civico di Palermo – sottolinea i progressi della medicina per la sopravvivenza dei pazienti di determinate forme di cancro.

“Per quello della mammella – spiega – ci avviciniamo al 90% dei pazienti guariti. Lo stesso vale per le nuove molecole immunoterapiche per il melanoma, per il cancro del polmone, per il carcinoma della vescica e del rene che ci hanno dato sopravvivenze maggiori in patologie che fino a qualche anno fa erano mortali. Abbiamo una certa curabilità di queste neoplasie”.

Per esempio per il melanoma, afferma il presidente del Cipomo, “il 40% dei pazienti colpiti, con l’immunoterapia, a 5 anni, sopravvive e di conseguenza li possiamo ritenere guariti. Lo stesso vale per il polmone, una malattia che aveva una sopravvivenza media di circa 12 mesi, oggi l’abbiamo portata a superare i 24-36 mesi. Puntiamo alla personalizzazione delle terapie tramite la biologia molecolare, che ci fa identificare quei target su cui noi costruiamo dei farmaci ad hoc per inibire la crescita neoplastica”.

AGGIUNGI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here